Pistilli e Associati > Indennità di docenza – amministrazione

Scarica il Modulo per richiedere l’indennità di docenza – amministrazione

Contattaci gratuitamente numero dedicato solo per questo ricorso

numero dedicato

Se vuoi scriverci puoi farlo all’indirizzo: scuola@studiolegalepistilli.eu

Il MIUR continua a trattare i lavoratori precari in maniera diversa e deteriore rispetto al personale in ruolo, pagando una retribuzione effettiva minore.
Ai docenti incaricati di “supplenze brevi o temporanee” viene negata la corresponsione della retribuzione professionale docente – R PD (indennità insegnamento).

Analogamente accade per il personale ATA in merito all’indennità di amministrazione.
Questo avviene in palese violazione dei precetti comunitari e nazionali già riconosciuti da giurisprudenza ormai consolidata in ragione del divieto di discriminazione tra il trattamento giuridico riservato ai dipendenti “precari” rispetto a quello dei dipendenti di “ruolo” – sancita dall’accordo
quadro / direttiva comunitaria 99/70/CE, all’art. 4.
Anche i lavoratori precari – TUTTI – hanno diritto alla prevista indennità, anche se successivamente sono stati immessi in ruolo.
Obbiettivo: il riconoscimento del diritto e le differenze retributive derivanti dal comportamento discriminatorio sul mancato riconoscimento della RPD (retribuzione professionale docente).

CHI LO PUÒ FARE

Docenti e personale ATA precari e in ruolo che abbiano sottoscritto negli ultimi cinque anni contratti brevi e temporanei.

 

VANTAGGI

Fa riscuotere le differenze retributive derivanti dal mancato riconoscimento del RPD (indennità di docenza).

 

ATTENZIONE

Il nostro studio per primo in Italia ha combattuto per l’equiparazione dei precari al personale di ruolo (2007).
Garantiamo da subito costi certi e chiari, SENZA successive e sgradite sorprese, SENZA preadesione, con trasparenza e all’esito del risultato positivo del ricorso.
Lo studio svolge attività difensiva in tutto il territorio nazionale.
Per l’azione giudiziaria sono necessari i contratti stipulati a tempo determinato o in alternativa i certificati di servizio per le supplenze brevi e temporanee.
Tutti i periodi dedotti e utili debbono essere dimostrati.
Non è possibile procedere con autocertificazione.

verifica i requisiti

Contattaci gratuitamente

numero dedicato

Se vuoi scriverci puoi farlo all’indirizzo: scuola@studiolegalepistilli.eu

Scarica il Modulo per richiedere l’indennità di docenza – amministrazione